Andrea Toma, ambasciatore Anter

Storie di ambasciatori

Mi chiamo Andrea Toma e sono nato in un caldo agosto del 1975 a San Giovanni Rotondo in Puglia.

Ho vissuto la mia infanzia sul Gargano, una terra a stretto contatto con la natura.
Sin da piccolo, a scuola ho avuto la fortuna di avere insegnanti attente alle tematiche ambientali e proprio in un pomeriggio di 34 anni fa è nato il mio interesse per l’ambiente. Ricordo in modo vivido la maestra che ci portò in una sala con la tv e il videoregistratore per far vedere a tutta la classe un video di Superquark sull’inquinamento atmosferico.
Alla fine della lezione chiesi alla mia insegnante come un bimbo potesse aiutare l’ambiente, lei con chiarezza mi rispose: “Andrea c’è solo un modo per aiutare l’ambiente: studia tanto, impara come dare il tuo aiuto e spiegalo a tutti”.
Lei aveva tracciato la strada e io l’ho semplicemente seguita, infatti ho intrapreso gli studi in Ingegneria Elettrica a L’Aquila in Abruzzo.
Nel 2014 ho conosciuto ANTER (Associazione Nazionale Tutela Energie Rinnovabili) e da subito mi sono innamorato del progetto “Il Sole in Classe”, con cui l’Associazione sensibilizza e fa capire ai bimbi che vivere in un mondo più pulito è possibile.
Iniziai ad andare nelle scuole per assistere alle lezioni degli Ambasciatori ANTER. Arrivai fino in Calabria per apprendere dai Delegati Andrea e Patrizio Tiesi come si svolgeva un evento in classe.

Nel 2016 a Canosa di Puglia tenni da solo il mio primo “Il Sole in Classe” ufficiale, poi seguirono altri eventi in Puglia. Lì portammo nelle piazze di svariati comuni un altro progetto ANTER: “Il Sole in PIAZZA” grazie al Main Sponsor NWG Energia.
È stata un’esperienza fantastica grazie alla quale abbiamo intrapreso un nuovo progetto che da subito ha coinvolto il mio cuore: “SalviAmo il respiro della Terra”. Da quel momento ciò che prima era passione è diventato impegno quotidiano.
Seguendo l’esempio del Presidente di ANTER, Antonio Rainone, ho capito perché stavo facendo tutto questo. Non potevo cambiare il mondo da solo, impresa troppo grande per me, dovevo avere uno scopo più vicino, più determinato, più immediato, e allora mi resi conto: lo stavo facendo per i miei due nipoti Carlotta e Gianmario perché loro, come tutti gli altri bambini, meritano un ambiente PULITO, SANO e VIVIBILE.
I bimbi mi hanno regalato la loro semplicità e rispondere alle loro domande è stato un dono unico.
Nel 2017 ho avuto l’onore di diventare Ambasciatore ANTER e di proseguire ciò che grazie ai miei genitori Angela e Mario (Insegnanti) da sempre ho imparato:
Se vuoi spiegare un progetto ad un bambino e renderlo partecipe, rispetta i suoi tempi, osserva le sue passioni e capisci le sue capacità; in questo modo il bimbo comincerà, come per gioco, ad amare la natura, un po’ come accadde a me 34 anni fa. Quel bimbo, ora uomo, ringrazia ANTER per avergli permesso di compiere insieme un percorso STRAORDINARIO.
GRAZIE BIMBI, GRAZIE INSEGNANTI, GRAZIE ANTER, una nuova famiglia in cui è fantastico vivere ogni giorno!

ALTRI ARtICOLI