il costo dell'energia

Cambiamenti climatici, ci aspettano aumenti in bolletta?

Come e perché potrebbero aumentare i costi dell’energia

Conosciamo bene quelli che potrebbero essere gli effetti dei cambiamenti climatici sull’ambiente e sulla salute del nostro pianeta. Ma avete mai pensato quanto il cambiamento climatico possa influire anche sul costo dell’elettricità e quindi sulla bolletta?
Vi sembrerà strano ma è quanto è emerso da uno studio condotto dall’Università di Linz insieme alla Virginia Tech e pubblicato sulla rivista scientifica Nature.

 

Lo studio riguarda 19 paesi dell’Unione Europea e mette in relazione i cambiamenti del clima con la spesa elettrica delle famiglie, mostrando come, in conclusione, l’aumento delle temperature porterà ad una bolletta sempre più salata.

 

Più nello specifico, lo studio riguarda la variazione delle temperature e l’impatto che questo potrebbe avere sui costi legati all’interruzione della corrente: cambiamenti climatici, eventi meteorologici molto intensi e temperature molto alte o molto basse, possono a lungo andare danneggiare la rete elettrica e provocare dei blackout. A questo dato va aggiunto il fatto che la maggior parte dell’elettricità viene utilizzata per il riscaldamento o il raffreddamento degli ambienti in cui viviamo, lungo tutto l’arco dell’anno.

 

In futuro, secondo lo studio, a causa dei cambiamenti climatici le temperature saranno sempre più alte, in generale i costi per il riscaldamento durante l’inverno andranno a calare e le famiglie non avranno la necessità di pagare di più per prevenire possibili blackout durante la stagione fredda. Allo stesso tempo però, le stesse famiglie saranno invece disposte a sostenere costi più alti per evitare interruzioni di corrente durante la stagione estiva, quando il caldo intenso potrebbe diventare davvero insopportabile ed eventuali blackout potrebbero portare non pochi disagi.

 

Se da una parte quindi, in inverno, i costi diminuiranno, tenderanno però ad aumentare in estate, e il bilancio conclusivo di questa situazione non risulta, secondo i ricercatori, positivo: l’aumentare della spesa per la stagione calda andrà a superare qualunque possibile risparmio durante i mesi invernali, con un aumento dei costi orari della corrente del 20% a persona.

 

Lo studio quindi mette bene in evidenza come i cambiamenti climatici, in tempi relativamente brevi, andranno ad impattare direttamente sui costi dell’energia. Se a qualcuno di noi, fino ad oggi, poteva sembrava un’ipotesi remota, c’è assolutamente da ricredersi: simili conseguenze possono essere evitate solo prendendo coscienza del problema del cambiamento climatico e delle possibili azioni da portare avanti per migliorare lo status di salute del nostro ambiente.

 

®Eco_Design WebMagazine

CONTINUA CON

Da dove proviene l’energia che utilizziamo in Italia

Chissà se davvero il petrolio, ‘re’ indiscusso delle fonti di energie, ha i giorni contati. Per vederlo abdicare ci vorranno...

Ambiente ed energia nei programmi elettorali a meno di un mese dalle elezioni

È ufficialmente aperta la campagna elettorale. A seguito della presentazione delle liste dei candidati da parte dei diversi partiti, sono...

Energie rinnovabili in Italia: quali crescono e quali no

L’energia da fonti rinnovabili in Italia, così come nel resto del mondo, ha cinque tipi principali di approvvigionamento: fotovoltaico, idroelettrico,...