Una vacanza eco-friendly? É su rotaia!

Da Trento alle Alpi con il Dolomiti Express, tra meleti e alti viadotti

Dal verde del fondovalle di Trento al bianco delle cime innevate di Marilleva lasciando l’auto nel piazzale della stazione in città: è la settimana verde, bianca e rossa per un inverno all’insegna del ridotto impatto ambientale. Verde è appunto il colore da sempre abbinato all’ecologia, bianchi e rossi sono i vagoni del Dolomiti Express, il treno che parte da Trento e arriva sulle Alpi attraversando paesi e valli dove regna la natura, quella dell’Adige, la piana Rotaliana e le valli di Non e di Sole.

Fino a Mezzolombardo verde e pianura, vigne ed i primi meleti che caratterizzeranno tutti i chilometri seguenti, visto che la ferrovia inizia a salire verso la Val di Non e il cuore del Trentino. I binari passano tra campi coltivati e frutteti, castelli storici e luoghi turistici che meritano una sosta anche per motivi enogastronomici: tornanti, gallerie, salite inusuali per chi viaggia in treno e ponti ad arcata unica tanto
suggestivi quanto alti, come quello che precede l’arrivo a Cles sulla forra del Noce, lasciandosi sulla destra il lago di Santa Giustina. Un viadotto in cemento armato a 140 metri dal fondo valle, a fine anni ’50 noto come il ponte ferroviario più alto del mondo.

Dalla Val di Non alla Val di Sole, che appare dal ponte di Mostizzolo dopo aver percorso quasi tre chilometri in galleria. La corsa, suggestiva, romantica, ecologica e sorprendente si conclude ai piedi delle piste da sci di Folgarida Marilleva, collegate con quelle di Madonna di Campiglio e con un comprensorio sciistico con pochi uguali in Italia.

Suggestivo in estate il viaggio è indimenticabile in inverno, quando il numero dei treni aumenta proprio per facilitare chi vuol fare una settimana bianca ‘eco’, con il favore dei residenti, che vedono diminuire il transito di auto (e di conseguenza l’inquinamento) sulle strade che salgono verso le cime innevate.

ALTRI ARtICOLI

Un giorno nella foresta

Foresta… e gli occhi della mente si affacciano su distese di un verde cupo, quasi nordico, intatte, nelle quali si...