Capire l’impatto delle polveri sottili

L’inquinamento atmosferico influisce sulla salute e lo sviluppo dei bambini.

Che la qualità dell’aria influisca sulla nostra salute, è un dato di cui abbiamo tutti coscienza, in modo quasi intuitivo.

L’Organizzazione Mondiale per la Sanità (OMS) però, afferma che più del quarto dei decessi dei bambini di età inferiore a 5 anni (quasi 2 milioni di morti a scala globale: le intere città di Milano e Palermo riunite), ovvero di un’età in cui sono particolarmente vulnerabili ed in cui il sistema immunitario e gli organi – le vie respiratorie soprattutto – sono in corso di sviluppo, è dovuto all’inquinamento ambientale, aria ed acqua per lo più.

Le esposizioni pericolose a cui sono esposti sin dal grembo materno incideranno su tutta la loro vita: per i bambini esposti in età prescolare ad un inquinamento atmosferico (ambienti esterni ed interni) aumentano i rischi di contrarre polmoniti (tra le maggiori cause di decesso infantile), infezioni respiratorie (asma), cardiopatie, incidenti vascolari cerebrali e tumori.

L’ultimo rapporto dell’Unicef , pubblicato ai primi di dicembre 2017 si fa l’eco ed approfondisce il precedente (ottobre 2016, in occasione della COP 22 di Marrakech ) e dimostra come respirare l’aria inquinata da particolato possa danneggiare il tessuto cerebrale e minare lo sviluppo cognitivo, con conseguenze per tutta la vita.

Sono 17 milioni, secondo questo studio, i bambini di meno di un anno di età che vivono in aree in cui l’inquinamento atmosferico è di almeno 6 volte superiore ai limiti fissati dall’OMS.

ALTRI ARtICOLI

Quali le strategie proposte per tutelare la salute dei nostri figli?

La nuova strategia energetica nazionale divulgata a novembre 2017 Lo scorso 11 di novembre, il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni,...

Mal d’aria. Ecco cosa respiriamo

Sono killer silenziosi, invisibili. Si posano sui muri, sulle foglie delle piante, entrano persino nei polmoni e nelle vene. Si...