bici-amsterdam

Amsterdam dichiara guerra alle auto: addio ai parcheggi

Dal primo luglio la capitale olandese ha cancellato 12.500 posti auto nel centro storico della città

Si scrive Amsterdam, si legge capitale mondiale delle biciclette. Un primato di cui la città olandese può fregiarsi da anni e che passa anche da politiche di mobilità urbana sempre più green messe in campo.

Più spazio per ciclisti e pedoni

L’ultima è la decisione di eliminare 1.500 posti auto all’anno a partire dal primo luglio 2019, limitando il numero dei permessi rilasciati per i parcheggi. Un massiccio piano per uno smantellamento graduale dei parcheggi su strada nell’area più centrale della città: nel giro di sei anni, infatti, verranno meno 12.500 posti auto. Migliaia di parcheggi sostituiti con nuove piste ciclabili, parchi, stalli per le biciclette e marciapiedi in modo da liberare spazi restituendoli alla collettività. Dagli interventi di potenziamento della mobilità ciclabile all’ampliamento dei marciapiedi, passando per la piantumazione di nuovi alberi: così Amsterdam fa sul serio per trasformarsi sempre di più in una città a misura di ciclisti e pedoni.

parking-bike

Un parcheggio di biciclette ad Amsterdam ph. biketoeverything.com

Migliorare la qualità dell’aria

Del resto, dal 2030 non potranno più circolare in città auto a benzina e diesel, ma solo quelle elettriche. Così ha deciso agli inizi di maggio il consiglio comunale della municipalità di Amsterdam, nell’ambito del Piano d’azione Clean Air (Actieplan Schone Lucht) che servirà a rendere la città ancora più vivibile migliorando la qualità dell’aria con un aumento dell’aspettativa di vita. Liberare le strade dalle auto rappresentava il cavallo di battaglia della campagna elettorale portata avanti dal partito della Sinistra Verde attualmente al governo della capitale olandese: la promessa di tagliare i parcheggi, infatti, rientrava nell’accordo di coalizione.

amsterdam-piste

Una pista ciclabile nei dintorni di Amsterdam ph. www.viviamsterdam.it

Tanti incentivi per la mobilità elettrica

Certo, non sarà un’operazione a costo zero: il nuovo piano della mobilità cittadina prevede unaumento del 50% dei costi di parcheggio, ovvero 7,50 euro all’ora nel centro della città. Ed entro undici anni, i cittadini di Amsterdam passeranno a spostamenti senza emissioni: per rendere più “soft” la transizione verso la mobilità elettrica, la municipalità di Amsterdam erogherà diverse tipologie di contributi, compreso il pass per parcheggiare gratuitamente in cambio dell’acquisto di un veicolo elettrico. Amsterdam è il regno delle piste ciclabili, offre un sistema di trasporto pubblico molto efficiente: i residenti ormai snobbano da tempo l’auto. Soltanto il 22% la utilizza per spostarsi mentre il 65% ricorre alla bicicletta.

 

ph. cover: onelifeintravel.com 

 

®Eco_Design WebMagazine

CONTINUA CON

Fotovoltaico galleggiante. Inaugurato in Francia il più grande impianto sull’acqua d’Europa

Il riscaldamento globale in atto è la più grande sfida che l’umanità abbia mai dovuto affrontare. In questo scenario la...

Fotovoltaico organico, la nuova frontiera dell’energia green

I più prestigiosi enti di ricerca sono concordi: il fotovoltaico organico (OPV, Organic Photovoltaic) è la nuova frontiera tecnologica su cui...

Perché la mobilità elettrica conviene: uno studio che lo dimostra

Ne sono state immatricolate mille in un mese, fra maggio e giugno 2019. Ed è quasi un miracolo per il...

Iscriviti alla nostra newsletter