FAI DA TE, ricicla da solo la plastica con PRECIOUS PLASTIC

Tutti uniti contro il consumo della plastica

Arriva dall’Olanda l’idea che potrebbe realmente contribuire all’abbattimento del consumo di plastica e facilitarne il riutilizzo domestico. A rendere possibile questa operazione sarebbero i macchinari inventati da Dave Hakkens e che fanno parte di un progetto chiamato “Precious plastic”. Questi macchinari possono essere costruiti in casa seguendo le istruzioni che lo stesso inventore ha reso pubbliche.

Il progetto Precious Plastic è nato come tesi di laurea presentata da Hakkens ed è cresciuto nel corso degli anni fino ad arrivare alla creazione di un’intera comunità che si fa chiamare con lo stesso nome del progetto.

Photocredit www.davehakkens.nl

Nascita e crescita del progetto

 

Il progetto nasce nel 2013 con la presentazione di un primo macchinario in grado di riciclare la plastica e nel corso di questi cinque anni si è perfezionato. Attualmente la comunità di Precious Plastic è composta da centinaia di persone che contribuiscono reciprocamente ad una causa comune: combattere il consumo della plastica.

Poiché è tutto gratuito, ciascun membro della comunità condivide le proprie idee e fornisce strumenti utili a ridurre il consumo dei materiali plastici. Entrare a far parte della comunità è molto semplice in quanto basta raggiungere il sito web (https://preciousplastic.com/), ed effettuare la registrazione. Il sito è consultabile anche senza effettuare l’iscrizione, sicché chiunque potrà visualizzarne i contenuti senza vincolo. Il portale non si limita a fornire indicazioni sulla creazione del macchinario ricicla plastica, ma è ricco di spunti interessanti su come riutilizzare questo materiale. Esiste anche una piccola sezione dedicata all’acquisto di oggetti ricavati dalla plastica e denominato “Bazar”.

Photocredit www.preciousplastic.com

I macchinari di Precious Plastic, come costruire il tuo riciclatore

 

In piena linea con lo spirito del progetto, Hakkens ha reso pubblici gli schemi per costruire i macchinari ricicla plastica caricandoli sul sito di Precious Plastic https://preciousplastic.com/en/machines.html.

Attualmente esistono gli schemi per ben quattro macchinari. Ogni macchinario può essere costruito senza troppe difficoltà poiché utilizza materiali facilmente reperibili. In aiuto agli utenti intervengono i video tutorial, che mostrano passo dopo passo la costruzione di ciascuna macchina. Non è necessario costruire tutti e quattro i macchinari, in quanto ognuno svolge un compito ben preciso; ma, se si dovessero realizzare tutti e quattro, si completerebbe il ciclo nel modo più virtuoso possibile.

Qui di seguito si riportano i macchinari ideati ed una loro breve descrizione.

  • Shredder Machine o macchina distruttrice: questo è il primo strumento realizzato da Hakkens e costituisce la spina dorsale del progetto Precious Plastic. Questo macchinario viene utilizzato per frammentare i pezzi di plastica molto grandi in frammenti più piccoli. Questi piccoli frammenti possono poi essere utilizzati come componenti per gli altri macchinari oppure essere rivenduti alle fabbriche. Con la Shredder Machine si può anche impostare la dimensione dei frammenti.

 

  • Extrusion Machine o macchina deformante: L’estrusione è un processo continuo durante il quale i frammenti di plastica vengono inseriti nella tramoggia ed estrusi in una linea di plastica. La macchina di estrusione funziona ininterrottamente, così, in linea teorica, se si ha abbastanza plastica a disposizione e un processo ben strutturato, sarebbe possibile riciclare 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Con la macchina di estrusione è possibile creare residui filamentosi, granulari o lavorare in modo creativo con gli stampi. Questa macchina è ottima anche per scopi didattici, poiché il processo è molto semplice e facile da capire. Questa tecnica mescola bene plastiche di diverso colore e produce un colore omogeneo e uniforme.

 

  • Injection Machine o macchina creatrice d’oggetti: Questo macchinario di tipo più avanzato consente di creare oggetti molto specifici e in tempi relativamente brevi. La difficoltà iniziale consiste nel creare correttamente gli stampi ma una volta realizzati, questo macchinario può creare molti oggetti. Solitamente gli oggetti che si possono realizzare sono di piccole dimensioni ed il colore finale è difficilmente prevedibile.

 

  • Compressione Machine o macchina a compressione: Questo macchinario viene utilizzato per realizzare oggetti di grandi dimensioni, ma lavora più lentamente rispetto ai primi tre. Questa macchina riscalda la plastica e con uno stampo a pressione modella la plastica. Così, si possono ricavare prodotti finiti o nuove materie prime.

 

 

Il processo di realizzazione di questi macchinari è totalmente guidato grazie ai video e alle istruzioni scritte presenti sul sito. Inoltre si può anche consultare il forum nel caso in cui ci dovessero essere dei dubbi sulla realizzazione e l’utilizzo dei macchinari.

 

 

Per l’immagine di copertina Photo Credit www.preciousplastic.com

 

 

Daniele Amelino

®Eco_Design WebMagazine

CONTINUA CON

Copernicus: l’occhio dell’Europa sulla Terra

In pochi lo sanno, ma c’è un “occhio speciale” con cui l’Europa osserva il globo terrestre per monitorare lo stato...

Clima, il 2018 è stato l’anno più caldo in Italia

La conferma arriva dall’Ispra, l’Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale, che fa il punto sulla situazione climatica degli...

UNESCO – Preservare l’acqua: Parigi 13-14 maggio 2019

Visto dallo spazio, il nostro pianeta è blu, caratterizzato dalle sue abbondanti acque. L’acqua dolce utilizzabile però rappresenta meno dell’1%...

Iscriviti alla nostra newsletter