Un turbina Vortex Bladeless

Il futuro dell’eolico? È senza pale: il progetto Vortex Bladeless

La startup spagnola ha progettato degli speciali generatori a forma di cilindro che sfruttano l’oscillazione provocata dal vento per produrre energia elettrica. Alti meno di 3 metri, hanno un basso impatto sull’ambiente

Parchi eolici senza più pale. I moderni “mulini a vento”, che definiscono il profilo degli attuali impianti di energia eolica, potrebbero infatti scomparire per lasciare spazio a speciali turbine che sfruttano i vortici e la risonanza creati dal vento. È quanto potrebbe realizzarsi in un futuro non molto lontano grazie alle innovazioni tecnologiche allo studio in Spagna attraverso il progetto Vortex Bladeless.

 

Vortex Bladeless è una startup tecnologica spagnola fondata nel 2014. L’idea di fondo del progetto è venuta a David Yáñez un paio d’anni prima guardando un video del ponte di Tacoma Narrows (nello stato di Washington) che oscillava al vento. Da lì è nata l’intuizione di ricavare energia dal vento in un modo diverso e innovativo: sfruttando il fenomeno della risonanza aeroelastica, che produce delle vibrazioni attraverso l’oscillazione (creando una serie di vortici, la cosiddetta scia vorticosa di Von Kármán). È sfruttando queste ultime che è possibile ricavare energia.

 

 

Partendo da una prova di fattibilità che consisteva in una semplice bottiglia di plastica fissata su uno stecchino, i creatori di Vortex Bladeless hanno dato vita al prototipo del Vortex Tacoma: una turbina eolica che non è in realtà una turbina, dato che non ruota, ma un generatore oscillante a vento (che risuona con le vibrazioni indotte dai vortici). Alto 2,75 m, consiste in un cilindro verticale fisso, che viene ancorato al suolo, e un’asta oscillante in cima. Quest’ultima è collegata a un alternatore, che genera energia elettrica.

 

Schema generatore Vortex Tacoma

Lo schema mostra come è fatto il generatore Vortex Tacoma. Immagine: Vortex Bladeless

 

I prototipi di Vortex Tacoma sono in fase di certificazione e test, dopodichè il prodotto sarà lanciati sul mercato dei consumatori. E promette di essere una vera e propria “rivoluzione verde”, dato che ha un impatto ambientale più basso delle normali turbine eoliche perché ha dimensioni molto più contenute (anche per quanto riguarda le fondamenta), non necessita di lubrificanti (non avendo ingranaggi, il che comporta anche minori costi ed esigenze di manutenzione) ed è silenzioso. In più, essendo più piccolo, in pratica non disturba la fauna (come gli stormi di uccelli) e non provoca interferenze sui segnali radio. Che soffi proprio in questa direzione dunque il vento del futuro dell’energia eolica?

 

L'ideatore David Yáñez con un Vortex Tacoma

Il cofondatore di Voretx Bladeless David Yáñez con un prototipo di Vortex Tacoma. Ph: Vortex Bladeless

 

Immagine di copertina: un prototipo di Vortex Tacoma nelle campagne di Avila, in Spagna (Ph. Vortex Bladeless)

 

®Eco_Design WebMagazine

 

 

 

 

CONTINUA CON

Conservare l’energia solare: non è più solo un sogno grazie a una molecola speciale

Un’intuizione che apre allo stoccaggio di energia solare   Una molecola in grado di immagazzinare energia solare, che renderebbe possibile...

Addio al Petrolio: I biocarburanti in Italia

Secondo alcune stime dell’IPCC (commissione dell’Onu sul clima) tra le maggiori fonti di inquinamento, con un’incidenza di circa il 78%...

Ecobonus 2019: un aiuto per raggiungere il risparmio energetico

In cosa consiste l’Ecobonus 2019? Si tratta sostanzialmente di una proroga di quanto previsto per lo scorso anno, ma entriamo...

Iscriviti alla nostra newsletter