casa eco

Inquinamento domestico dell’aria, poche e semplici regole per una casa più sana

I consigli per una perfetta casa antismog

All’interno delle nostre case tendiamo a sentirci al riparo dall’inquinamento, ma non è così. Monossido di carbonio, benzene, formaldeide, naftalene e biossido di azoto sono solo alcune delle sostanze nocive con le quali conviviamo quotidianamente.

inquinamento domestico

Le principali cause d’inquinamento domestico 

Tra le maggiori fonti inquinanti ci sono i processi di combustione (camini, termocamini, stufe a pellet…). Altre sorgenti sono i detergenti per la casa, che rilasciano nell’ambiente polveri ultrafini che vengono assorbiti velocemente da bronchi e polmoni. Ma non solo.

 

Ecco alcuni consigli pratici per migliorare la qualità dell’aria della propria casa 

1. Assicurarsi che gli impianti del gas e tutti i dispositivi che bruciano gas o altri combustibili siano bene installati ed effettuare periodicamente la manutenzione.

2. In caso di stufe e camini: accertarsi che siano chiusi ermeticamente e che l’alimentazione sia separata dal luogo in cui si svolge la combustione, o, situazione ottimale, sia automatizzata.

3. Aerare la cucina nel momento in cui si accendono i fornelli. E per quanto riguarda gli altri ambienti, aprire le finestre di frequente, se si abita in zone dove l’aria è più pulita, oppure negli orari meno trafficati (come la mattina presto), se si abita in città.

4. Evitare di fumare in casa.

5. Usare detergenti bio e in ogni caso seguire con attenzione le indicazioni sull’etichetta, senza mescolare vari prodotti.

6. Fare attenzione ad acquistare mobili che non contengano colle tossiche.

inquinamento-domestico

7. Fare un controllo periodico dell’umidità, stando ben attenti che non superi il 40-50%, limite oltre il quale si formano muffe dannose.

8. Tenere la temperatura in inverno non oltre i 19/20 gradi (perfettamente sufficiente a garantire uno stato di comfort anche in inverno). Insieme all’umidità la temperatura elevata è infatti una delle principali cause di formazione e proliferazione delle muffe.

9. Cambiare i filtri dei condizionatori ogni inizio stagione.

10. Utilizzare aspirapolveri che trattengano gli acari e non disperdano particolato nell’ambiente.

11. Lavare regolarmente tende e tappezzeria.

12. Limitare l’uso di insetticidi.

13. Utilizzare con cautela profumatori d’ambiente e candele.

 

 

®Eco_Design WebMagazine

CONTINUA CON

Difendersi dall’inquinamento outdoor in 5 mosse

Gli errori più comuni da evitare, per difendere la nostra salute   ®Eco_Design WebMagazine

L’impatto ambientale delle palestre, in cosa consiste e come ridurlo

Comoda, perché permette di svolgere diverse attività in un unico spazio, accessibile in ogni stagione dell’anno e, in alcuni casi,...

Inquinamento indoor negli uffici: cosa prevede la normativa

Si scrive inquinamento dell’aria, si pensa solo agli ambienti esterni. Ma ci sono anche quei veleni invisibili che respiriamo davanti...

Iscriviti alla nostra newsletter