Una manifestazione a Times Square per chiedere il riconoscimento dell'emergenza climatica

New York è la più grande città al mondo a dichiarare l’emergenza climatica. Ecco perché

Il New York City Council ha approvato il 26 giugno 2019 la risoluzione 864, che dichiara l’emergenza climatica. Con l’intenzione di agire da leader globale nella mobilitazione a favore dell’ambiente e contro i cambiamenti climatici

Ha dichiarato lo stato di emergenza climatica per farsi portavoce di una mobilitazione a livello globale per ripristinare condizioni ambientali più sicure. È la città di New York, che ha approvato la risoluzione il 26 giugno scorso attraverso il suo consiglio cittadino, il New York City Council.

La risoluzione – la numero 864 – è stata presentata da 12 membri del consiglio, tra cui in particolare Benjamin Kallos e il presidente della Commissione per la protezione dell’ambiente Costa Constantinides, ed è stata approvata quasi all’unanimità dall’assemblea (con un solo consigliere astenuto). La decisione del consiglio fa di New York, con i suoi oltre 8.62 milioni di abitanti, la più grande città al mondo ad aver dichiarato l’emergenza climatica.

“New York City, essendo la città più grande degli Stati Uniti – si legge nella risoluzione – può agire da leader globale sia convertendosi rapidamente ad un’economia ecologicamente, socialmente ed economicamente sostenibile che organizzando la transizione verso le energie rinnovabili e gli sforzi di mobilitazione per contrastare l’emergenza climatica.

“Le persone di tutto il mondo hanno il diritto fondamentale che è di tutti gli uomini ad avere aria, acqua, terra e cibo che siano puliti, salutari e adeguati – riporta ancora il documento – oltre all’educazione, all’assistenza sanitaria e a un riparo”.

Benjamin Kallos e Costa Constantinides del New York City Council manifestano a favore della risoluzione per dichiarare l'emergenza climatica

I membri del New York City Counci Benjamin Kallos e Costa Constantinides (che è anche presidente della Commissione per la protezione dell’ambiente) manifestano a favore della risoluzione che dichiara l’emergenza climatica. Ph. pagina Facebook Costa Constantinides.

«Ci uniamo a più di 600 governi di tutto il mondo che sanno che abbiamo a mala pena un decennio per fare cambiamenti significativi – ha detto il presidente della Commissione per la protezione dell’ambiente Costa Constantinides quando è stata approvata la risoluzione –. Questo sarà il principio guida per il lavoro che abbiamo ancora da fare davanti a noi».

New York non è la prima città degli Stati Uniti ad aver dichiarato l’emergenza climatica – prima di lei lo hanno fatto San Francisco (ad aprile 2019), Los Angeles (che ha creato un ufficio apposito per la mobilitazione per l’emergenza climatica), Berkeley, Oakland, Hoboken, Richmond, Santa Cruz e Montgomery County ed altre – ma è la più grande. Ad oggi sono 1.123, a livello globale (dati Icef – Innovation for Cool Earth Forum, ottobre 2019), i governi, locali e non, in 20 Paesi del mondo, che hanno riconosciuto o dichiarato l’emergenza climatica. Tra questi, il primo è stato il consiglio cittadino di Darebin, cittadina dell’Australia, a dicembre 2016, mentre il primo Paese a farlo è stato il Regno Unito, il 1° maggio 2019, seguito poi il 9 maggio dall’Irlanda. In Italia la prima città a dichiarare l’emergenza climatica è stata Acri, in provincia di Cosenza, il 29 aprile 2019.

La risoluzione newyorkese riconosce la responsabilità degli Stati Uniti in materia di emergenza climatica. “Gli Stati Uniti d’America hanno contribuito all’emergenza climatica in modo sproporzionato – è riportato nel documento – ed hanno ripetutamente ostacolato gli sforzi globali verso un’economia verde, e quindi hanno una responsabilità straordinaria nel affrontare rapidamente queste minacce all’esistenza umana”.

Una veduta di New York

Una veduta di New York. Ph. agoda.com

Il consiglio cittadino di New York individua inoltre nella transizione dai carburanti fossili all’energia pulita e rinnovabile, che sia ecologicamente sostenibile ed equa per tutti, un requisito essenziale per affrontare il cambiamento climatico.

 

Immagine di copertina: una manifestazione a favore della dichiarazione dell’emergenza climatica a Times Square, New York. Ph. Erik McGregor / Pacific Press / LightRocket via Getty Images

 

®Eco_Design WebMagazine

 

 

 

CONTINUA CON

Humans Save the Sea, il cinema italiano dichiara guerra alla plastica

Il mondo del cinema italiano scende in campo per portare il suo contributo nella lotta contro la plastica nei mari....

Quanto è circolare la nostra economia? Ce lo dice una ricerca dell’Eurostat

Ultimamente si parla molto di economia circolare, cioè quell’economia in cui i prodotti di oggi sono le risorse di domani....

La fattoria dei nostri sogni: in un docufilm la storia vera di una “folle impresa” diventata realtà

È possibile rigenerare un suolo ormai apparentemte morto, attraverso una diversificazione delle colture e degli allevamenti e senza usare pesticidi e altre...

Iscriviti alla nostra newsletter