Paolo Bruni, ambasciatore ANTER

Storie di ambasciatori

Mi chiamo Paolo Bruni, ho 54 anni e sono sposato con Barbara. Viviamo nella campagna pistoiese in una casa, piccola ma carina, che mia moglie ha ricavato e ristrutturato da quelle che erano le stalline di una colonica. Siamo vicini alla strada principale ma circondati dal verde, un luogo ideale anche per Amelie (la nostra gattina!) e per ospitare i nostri tre magnifici nipoti.

Fin da quando, ragazzetto diciassettenne, ho fatto l’ingresso nel mondo del lavoro, ho sempre fatto l’operaio in una grande azienda che produce treni. Nel corso degli anni mi sono occupato di tante cose e ho sempre avuto una sensibilità particolare per l’ambiente.

Due anni fa mi è capitato di incrociare ANTER e il suo progetto Il Sole in Classe mi ha subito incuriosito.

Ho avuto la fortuna di organizzare il mio primo evento con l’Ambasciatore Michele Peroni. Fu una mattinata fantastica, la sua straordinaria passione e la sua capacità di coinvolgere i ragazzi mi fece subito desiderare di essere, un giorno, al suo posto per relazionarmi con decine di bambini. Oggi sono quindi felice di aver realizzato quel piccolo-grande sogno!

Grazie ad ANTER coltivo un rapporto con i bambini che quotidianamente, non avendo avuto figli, mi manca. Ovviamente non è la stessa cosa, ma in quelle ore che trascorro con loro sono contento di essere lì. Mi sento orgoglioso di rappresentare un’Associazione che si prende cura dell’ambiente in cui loro dovranno crescere, che vuole trasmetter loro valori importanti quali il rispetto per la natura e per gli esseri viventi, che ha l’ambizione di far maturare nelle loro giovani coscienze un messaggio positivo verso la vita.

In teoria in quei novanta minuti dovrei insegnar loro qualcosa (e spero e credo davvero di lasciare qualche semino utile), ma non di rado sono io stesso ad acquisire qualcosa da loro. Innanzitutto, e sempre, un’energia straordinaria e poi la curiosità, l’entusiasmo, la freschezza. La semplicità che sprigionano con le loro domande, i loro commenti ed i loro lavoretti, sono per me una fonte preziosa con la quale ricaricare le batterie di energia green al 100%.

Se poi dovessi scegliere un’immagine per rappresentarmi al meglio in questa esperienza di Ambasciatore ANTER, non avrei dubbi, sceglierei il sorriso di Ester. Il sorriso di una bambina speciale che, con il suo cromosoma in più, riesce da sola ad illuminare il buio della notte… un sorriso contagioso e coinvolgente che, inconsapevolmente, rende ancor più vero e autentico il pensiero del poeta Khalil Gibran “Nulla impedirà al sole di sorgere ancora, nemmeno la notte più buia, perché oltre la nera cortina della notte c’è un alba che ci aspetta.”

Grazie ad ANTER possiamo aiutare gli adulti di domani a sviluppare una consapevolezza maggiore sui rischi che corre il pianeta ed offrire loro gli strumenti per far sì che essi si trasformino in opportunità… così che ogni alba possa illuminare la nostra e loro vita. Grazie ANTER!

CONTINUA CON

Cosa sono le Comunità a Sostegno dell’Agricoltura?

Uno scenario pericoloso Lo sapevamo e ce lo ha ricordato ancora una volta il report dell’Ipcc “Climate Change and Land”,...

Quando la sostenibilità è anche un buon affare: intervista a Emanuela Scimia di thinkstep

C’è un’azienda che aiuta le altre imprese e le organizzazioni a perseguire i propri obiettivi in maniera sostenibile. Si chiama...

Cosimo Santilli, Ambasciatore ANTER

Da sempre ho avuto una vocazione verso il sociale e l’aiuto al prossimo; ho sempre cercato l’avventura, l’essere in prima...

Iscriviti alla nostra newsletter