Piccoli ambientalisti crescono. Grazie ad ANTER

Tre le scuole vincitrici che hanno partecipato al progetto “Il Sole in Classe”: premiate con una fornitura gratuita per 12 mesi di energia elettrica proveniente al 100% da fonti rinnovabili, offerta da Nwg Energia

Se è vero che il buongiorno si vede dal mattino, è sui banchi di scuola che nasce la cultura ambientale. Lo sa bene ANTER che, per il quinto anno consecutivo, ha premiato le scuole in gara per gli Anter Green Awards, il concorso che valuta gli elaborati proposti dai ragazzi in tre categorie (disegno, poesia, evento mediatico) e che permette alla scuola di vincere, grazie al sostegno di NWG Energia spa, un anno di fornitura elettrica proveniente da soli fonti rinnovabili. Si tratta, infatti, dei vincitori delle scuole che hanno partecipato alle lezioni de “Il Sole in Classe”. Ad essersi aggiudicate il riconoscimento sono state, per la categoria disegno l’istituto comprensivo San Demetrio ne’ Vestini di Rocca di Mezzo, premiato dalla giovane artista Clara Woods; per l’evento mediatico l’istituto comprensivo Isola del Liri incoronato da Eric Barbizzi, divulgatore scientifico per Striscia La Notizia; per la poesia, l’istituto comprensivo Veroli 2 che ha ricevuto il premio da Stefania Russo, presidente del comitato scientifico di ANTER.
Eco_Design ha intervistato Angela Avarello, dirigente della scuola secondaria di primo grado Caio Mario dell’istituto comprensivo Veroli 2 di Frosinone, la docente Cristina Piedimonte del comprensivo Isola del Liri (Frosinone) e la vice preside Antonia Lucantonio per la  scuola secondaria di primo grado del comprensivo San Demetrio né Vestini di Rocca di Mezzo (L’Aquila).

disegno-anter-premiazione

La cerimonia di premiazione per la categoria “miglior disegno”

Innanzitutto, complimenti. Che effetto fa aver vinto il premio di un concorso al quale hanno partecipato circa 70 istituti comprensivi con oltre 200 lavori?


Avarello.
Vittoria inaspettata, non pensavamo di essere fra vincitori. I nostri ragazzi hanno mostrato entusiasmo e motivazione.
Piedimonte. Ancora non riesco a crederci. Ho ancora in mente l’entusiasmo dei ragazzi mentre realizzavamo il nostro flash mob: erano contenti di esserci.
Lucantonio. Siamo felicissimi del traguardo raggiunto che ci riempie di orgoglio. Avevamo partecipato con tante classi: in particolare, questo primo premio è stato raggiunto da due terze della secondaria di primo grado.

 

Essere arrivati in nomination vi ha dato possibilità di partecipare al convegno “New World in Green”. Cosa vi ha colpito, in particolare, di questa iniziativa?


Avarello.
Mi ha colpito non solo la serietà degli interventi ma anche la loro fruibilità anche per i non addetti ai lavori che hanno trattato argomenti con un linguaggio “accessibile” anche per i ragazzi.
Piedimonte. Mi ha colpito, in particolare, l’intervento sul Polo Artico e sulle condizioni della calotta polare, su come stiamo danneggiando in modo indisciplinato nostro pianeta. Cercheremo di trasmettere gli alunni queste conoscenze, a partire dalla necessità di salvaguardare l’ambiente.
Lucantonio. Premesso che sono sempre stata fautrice dell’educazione ambientale in classe, il convegno mi ha dato l’opportunità di partecipare a un evento di spessore nazionale. Ho ascoltato con piacere tutti gli esperti intervenuti. E’ stata un’occasione di indubbio arricchimento.

 

anter-evento-mediatico-premiazione

La cerimonia di premiazione per la categoria “evento mediatico”

Al di là dell’aspetto economico, qual è l’effettivo valore che riveste il premio assegnato?


Avarello.
Il fatto di aver dato consapevolezza ai ragazzi dell’importanza delle tematiche ambientali.
Piedimonte. Il valore economico passa in secondo piano. I ragazzi si sentono orgogliosi di aver lavorato insieme su tematiche che possono garantire un futuro migliore. I nostri studenti si sono sentiti importanti mentre stavano salvaguardando il loro futuro. Ci hanno creduto e ci hanno messo tutto l’entusiasmo e l’energia di cui sono capaci.
Lucantonio. Il valore è morale. Non c’è solo la felicità per aver vinto. Grazie agli stimoli delle ambasciatrici di ANTER entrate in classe, i ragazzi capiranno meglio l’importanza del premio e il suo significato.

 

Dopo le lezioni “ll Sole in Classe”, avete riscontrato un atteggiamento diverso dei ragazzi che hanno partecipato al progetto?


Avarello.
Ho riscontrato una maggiore vicinanza alle tematiche ambientali, un approccio di ecosostenibilità unito a una maggiore consapevolezza.
Piedimonte.
Indubbiamente. Insegno loro geografia, materia alla abbiamo dato un taglio più ambientale. I ragazzi mi chiedono sempre quali possono essere i risvolti climatici e le conseguenze dei cambiamenti che possiamo apportare quotidianamente con le nostre abitudini. Abbiamo anche scritto un decalogo su come poter rendere meno pensante, ogni giorno, il nostro impatto sull’ambiente.
Lucantonio.
Dopo le lezioni e gli interventi degli operatori di ANTER, i ragazzi hanno mostrato un deciso cambiamento rispetto alle tematiche ambientali. Sono più sensibili verso certi temi.

 

anter-premiazione-poesia-

La cerimonia di premiazione per la categoria “poesia più emozionante”

Avete vinto. Continuerete a ospitare le lezioni di educazione ambientale di ANTER?


Avarello.
Sono sicura che continueremo anche perché si integrano benissimo con il programma curriculare. Ben vengano i progetti come “Il Sole in Classe” che hanno dato valore aggiunto alle tematiche affrontate dai docenti.
Piedimonte.
Certo, continueremo.
Lucantonio.
Sicuramente

 

Quale pensa che sia il valore aggiunto dell’approccio di ANTER rispetto alle tematiche legate all’ecosostenibilità?


Avarello. Aver fatto sentire una ai ragazzi voce che non sia solo quella dei docenti in classe per una maggiore sensibilizzazione.
Piedimonte
. Il modo in cui l’ambasciatrice propone contenuti. Contenuti interattivi, musicali, che hanno la possibilità di attrarre i ragazzi sotto ogni aspetto. L’approccio mediatico, in particolare, li ha coinvolti.
Lucantonio
. ANTER è sicuramente una ricchezza in più. Già lavoravamo su progetti di educazione ambientale sul territorio aquilano. L’intervento di ANTER va ad arricchire un percorso già intrapreso.

 

ANTER compie 10 anni: qual è l’augurio più grande che vi sentite di fare all’associazione?


Avarello. Auguri e grazie per il contributo che continuate a dare a tutte le scuole.

Piedimonte. L’auspicio è quello di rimanere ancora per tanti anni vicino alle scuole. Ne abbiamo bisogno. Auguri ANTER!
Lucantonio. So del decennale perché abbiamo ambasciatrici aquilane attente e sensibili tanto che mi stanno coinvolgendo: probabilmente diventerò io stessa ambasciatrice ANTER. Auguro all’associazione con tutto il cuore una lunga vita e di continuare con quelle azioni che possano creare un piccolo pezzetto lungo il cammino di salvezza del nostro pianeta.

 

Ph. cover: un momento del convegno “New World in Green”

 

®Eco_Design WebMagazine

 

CONTINUA CON

Giardinieri d’assalto: il primo documentario italiano sul guerrilla gardening

Ci sono anziani, adulti, giovani e giovanissimi. Operai, dottori, insegnanti, studenti e casalinghe. Molti si muovono in gruppo, altri lo...

Quando la sostenibilità è anche un buon affare: intervista a Emanuela Scimia di thinkstep

C’è un’azienda che aiuta le altre imprese e le organizzazioni a perseguire i propri obiettivi in maniera sostenibile. Si chiama...

Piccole ma decisive azioni: il Direttore Becagli invita ad un impegno personale

In occasione di “New World in Green”, l’iniziativa promossa da Anter che si è tenuta lo scorso 14 aprile a...

Iscriviti alla nostra newsletter