Come smaltire il vecchio smartphone in modo ecosostenibile

Ecco la risposta

 

Nell’epoca della tecnologia ad “obsolescenza programmata” (una strategia di mercato che predispone il ciclo vitale di un device in un tempo limitato e relativamente breve), la quantità di rifiuti tecnologici è cresciuta e continuerà ad aumentare.

Gli smartphone, soprattutto, tendono ad essere sostituiti nell’arco di un paio di anni. Si pone quindi la questione del loro smaltimento.  I nostri insostituibili mezzi di comunicazione, una volta sostituiti, si trasformano in Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche o RAEE.

 

L’economia circolare ed il recupero dei componenti elettronici

La normativa europea entrata in vigore nel 2006 (Direttiva RoHS  2002/95/CE) prevede standard produttivi che assicurino una soglia di recupero da un minimo di 50 ad un massimo dell’80%, in base alla categoria merceologica.

Come smaltire il vecchio smartphone o la lavatrice correttamente? Il modo più semplice consiste nel recarsi presso il negozio dove è stato acquistato l’apparecchio elettrico e consegnarlo. Sin dal 2016 è difatti entrato in vigore il decreto “uno contro zero” che impone ai punti vendita che abbiano una superficie di almeno 400 mq dedicati ai prodotti AEE (apparecchiature elettriche ed elettroniche) il ritiro di piccole apparecchiature come ad esempio smartphone e tablet. Per completezza d’informazione è bene ricordare anche il decreto “uno contro uno” valido nel caso in cui si acquista un dispositivo elettrico /elettronico in sostituzione di un modello precedentemente acquistato e che impone ai negozi il ritiro dell’apparecchio sostituito.

Altra opzione a disposizione è recarsi in un centro di raccolta RAEE o in un’isola ecologica. A disposizione dei cittadini esiste anche un portale web (https://raccoltaraee.it/)appositamente dedicato alla raccolta dei RAEE e che potrà essere utilizzato per ricercare il punto di raccolta più vicino. Le soluzioni proposte, fatta eccezione per la normativa uno contro zero, sono applicabili a tutti i tipi di RAEE, a prescindere dalle dimensioni o dalla categoria merceologica.

 

 

Proposte alternative per riutilizzare i vecchi smartphone

Quelle sopra proposte sono le soluzioni ufficiali a disposizione di tutti i cittadini per liberarsi di un rifiuto tanto piccolo quanto pericoloso per l’ambiente. Questo però non vuol dire che siano le uniche soluzioni esistenti. Con un po’ di fantasia si possono immaginare delle alternative, come:

  • Utilizzare il cellulare come dash cam(telecamere utili a monitorare l’ambiente circostante l’automobile)
  • Utilizzare il cellulare come telefono di emergenza o telefono aziendale
  • Regalare il cellulare ad amici o parenti

Come smaltire il vecchio smartphone facendo attenzione alla privacy

Rimanendo in tema “riciclaggio di smartphone”, un ultimo punto resta da considerare: la privacy. I nostri cellulari, gli smartphone più di qualunque altro, contengono molti dati sensibili (contatti, dati bancari, codici e password varie, ecc.). E’ bene prendere qualche precauzione prima di liberarsi dell’apparecchio. Nel momento in cui si decide dunque di smaltirlo sarà utile eseguire un reset (una formattazione alle impostazioni di fabbrica). In questo modo il cellulare verrà inizializzato, perdendo tutte le informazioni personali acquisite nel corso degli anni di utilizzo.

 

 

 

Daniele Amelino

®Eco_Design WebMagazine

CONTINUA CON

AGENDA 2030: Gli obiettivi del Millennio sullo sviluppo sostenibile

Agenda 2030: quali obiettivi?   Il 25 settembre 2015, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite adotta l’Agenda 2030, un insieme di...

L’intellettuale versione 2019 legge e scrive (e pensa) green

Si dice che Talete fosse così assorto nella lettura dei fenomeni celesti che cadde in un pozzo. Il mito, narrato...

Continente di plastica nel Pacifico: il segreto dell’isola che c’è!

Un mare di plastica…   L’essere umano dalla fine dell’800 ad oggi ha cavalcato molte rivoluzioni tecnologiche, sociali e culturali,...

Iscriviti alla nostra newsletter