Il Sole in Classe all’Istituto Comprensivo di Casperia (RI)

Allenarsi al rinnovamento

È stato proprio nell’ultimo giorno di scuola dei ragazzi dell’Istituto Comprensivo di Casperia (RI), che, con Il Sole in Classe, io e l’Ambasciatrice di ANTER Cristiana Papi abbiamo augurato loro buone vacanze.

Era lo scorso 22 dicembre: prima a Cantalupo di Sabina nella mattinata, con le scuole elementari, e poi nel primo pomeriggio, nella grande e attrezzatissima palestra con le classi quinte e le sezioni della secondaria di I grado a Casperia.

 

 

Gli alunni erano agitatissimi ed è stata una bella sfida: i loro piedi sfrigolavano sotto le sedie, il chiacchiericcio e la  grande voglia di scappare dalla scuola riempivano sonoramente il locale.

Improvvisamente le immagini della natura li hanno rapiti, la bellezza del messaggio che stavamo comunicando ha portato magicamente la calma e il silenzio.

Oltre 70 ragazzi guardavano con attenzione il video introduttivo dell’evento e poi tutto si è svolto con armonia. Abbiamo riso e ci siamo anche presi in giro. Durante questi eventi per noi – intendo la nostra squadra composta da ambasciatori e volontari- è importante stabilire coi ragazzi un contatto di fiducia reciproca e di confidenza. Le domande sono sempre alla base: esse svolgono la funzione maieutica che li rende partecipi e grandi attori del loro futuro. Altrimenti si tratterebbe semplicemente di una lezione alla fine della quale resterebbe solo qualche concetto nebuloso nella loro testa, che a quell’età è un vulcano di pensieri.  La palestra era veramente grande e dispersiva, ma è andato tutto benissimo.

Personalmente alla fine di ogni evento ho sempre qualcosa di diverso da portare con me, ogni ragazzo ci regala uno spunto per rinnovarci, per cambiare, per migliorare la comunicazione. Un  allenamento infinito. Sono certa che l’esperienza del Sole in Classe è tanto importante per noi volontari quanto per i ragazzi che partecipano.

A volte mi metto nei loro panni e penso:  se avessi partecipato io a un evento così alla loro età, mi sarebbe piaciuto? La risposta è sì, sì, sì! Sono cresciuta con i documentari naturalistici di Diane Fossey e le foreste sono sempre state il mio grande amore. È bellissimo poter partecipare attivamente alla salvezza del pianeta e noi, con il nostro piccolo sforzo, facciamo sì che i giovani conoscano e possano scegliere quale strada percorrere per la salvaguardia della nostra Terra.

Osservo molto i loro visi quando guardano i filmati. A  volte ci prendono in giro, ridacchiano, a volte scrivono appunti. Provo una grande tenerezza per il loro modo di dirci: ci siamo!

 

Maria Teresa de Carolis, Ambasciatrice ANTER

CONTINUA CON

Cinque esempi di eco-cucine per una casa ‘green’

Avete mai pensato a una cucina dal cuore ‘green’? Sì, sul mercato esistono anche le eco cucine, massima espressione di...

Earth Day, cosa c’è da sapere sulla Giornata della Terra

Gli italiani la chiamano Giornata della Terra, per gli inglesi e per la maggior parte degli abitanti del globo è...

Carlo Ratti: ecco come ti disegno le città del futuro

La sua ultima invenzione è un piccolo robot collegato a internet che permetterà di personalizzare  le pareti con opere d’arte...