Stella McCartney: sostenibile e bello vanno d’accordo

Rispetto per la natura, per le persone e per gli animali: una scelta precisa che non sacrifica il look per la stilista inglese

Sustainable is fashion, la sostenibilità va di moda. Questo il messaggio che Stella McCartney ha voluto lanciare con la sua nuova collezione donna per l’estate 2019, in passerella a Parigi qualche settimana fa. Un messaggio che non può essere frainteso se sull’invito alla sfilata della designer si leggeva proprio Green is the new black.

Un vero terremoto nel fashion system, dove troppo spesso gli stilisti si sono riempiti la bocca di parole come sostenibilità, limitandola però nella realtà a pochi capi ‘manifesto’.

Una sostenibilità a 360°

Non è il caso di Stella McCartney che ha fatto una scelta a 360° declinandola nel rispetto per la natura, con l’uso di materie prime biologiche e organiche; nel rispetto delle persone, in particolare quelle che collaborano con la casa di moda, a partire dagli allevatori e dai coltivatori; nel rispetto degli animali, con il rifiuto di pellicce, di trattamenti crudeli, con l’uso di pellami ‘vegetali’; e infine nella scelta di un’economia circolare, che riduca l’impatto e favorisca il riciclo.

stella2

E tutto questo non sacrifica la bellezza dei capi, tanto meno l’essenza dello stile di Stella McCartney: la sua resta una donna femminile, intraprendente, dolce e forte al tempo stesso.

Il guardaroba per l’estate 2019

stella1

Emma Watson per Stella McCartney

Nella collezione di Stella McCartney troviamo look ispirati al mondo swimwear, con tutine in un neoprene dall’effetto seconda pelle, che coprono il corpo con una stampa floreale. Poi il tailoring, in una nuova versione estiva assolutamente green: le T-shirts tie-dy sono in cotone organico, mentre i blazer dal taglio maschile sono in leggero lino. Rubati dal guardaroba maschile i pantaloni cargo, le maglie di ispirazione football e i completi da uomo realizzati con la fibra Econyl di nylon riciclato. Anche il denim è organico, proposto in varie vestibilità in grafiche del blu tie-dye.

Sostenibili anche gli accessori come le borse, in canvas e soffice eco-nappa.

CONTINUA CON

Sostenibile è bello: Livia Firth elogia la filiera tessile pratese

Cosa hanno in comune Livia Firth, la moda ecosostenibile e il distretto tessile pratese? La risposta è racchiusa in una...

Moda green e sostenibile a Westminster

A Londra si è recentemente discusso dell’industria della moda, in modo particolare del suo impatto sull’ambiente: attraverso un sondaggio inviato...

Se la moda sostenibile diventa un museo e ci fa riflettere

Non è un museo tradizionale, inteso come esposizione permanente di oggetti e opera d’arte. È esperienza da vivere in prima...

Iscriviti alla nostra newsletter