UNESCO – Preservare l’acqua: Parigi 13-14 maggio 2019

Prima conferenza internazionale sull'acqua

Visto dallo spazio, il nostro pianeta è blu, caratterizzato dalle sue abbondanti acque. L’acqua dolce utilizzabile però rappresenta meno dell’1% di queste risorse, mentre tutte le attività umane dipendono dall’acqua, che si tratti di cibo o di produzione di energia, di industria o di attività ricreative.
Quale nostra attività non è legata all’ acqua? La gestione e la governance dell’acqua hanno un forte impatto sulla salute degli uomini e degli ecosistemi, rispecchiano i diritti, le gerarchie, le condizioni di parità di genere, raccontano storie, culture, istruzione in ogni singola regione.

 

Le risorse idriche sono essenziali per lo sviluppo sostenibile e la riduzione della povertà. Perciò la loro gestione, la loro tutela, la loro valorizzazione, la possibilità per tutti di disporre di acqua corrente e sana è stato inserito tra gli obiettivi del 2030 dell’ONU. Il sesto obiettivo è prettamente focalizzato sull’ acqua. Ha come scopo di garantire a tutti la disponibilità e la gestione sostenibile dell’acqua e delle strutture igienico sanitarie.

 

Altri, tra gli obiettivi del Millennio, sono trasversali e richiedono un’attenzione accurata per la questione idrica: per assicurare la salute e il benessere per tutti (3), rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, duraturi e sostenibili (11), per garantire modelli sostenibili di produzione e consumo (12), proteggere, ripristinare e favorire un uso sostenibile dell’ecosistema terrestre contrastando il suo deterioramento (15).

Per oltre 40 anni, il programma idrologico internazionale dell’UNESCO è stato l’unico programma intergovernativo delle Nazioni Unite dedicato alla gestione delle risorse idriche e allo sviluppo di capacità in questo settore cruciale.

 

Oggi, Audrey Azoulay, direttore generale dell’UNESCO, aprirà la prima Conferenza internazionale dell’UNESCO sull’acqua a Parigi. La conferenza riunirà per due giorni Ministri di circa 40 paesi, esperti, ricercatori, rappresentanti della società civile, del settore privato e delle organizzazioni internazionali.

“Aver accesso all’acqua non è solo una questione di sviluppo. È soprattutto un diritto fondamentale e uno strumento di pace e di sicurezza nel mondo, ricorda il direttore generale, ed è essenziale trovare un approccio trasversale che coinvolga tutti i settori della società”.

La conferenza vorrebbe presentare soluzioni innovative ai problemi legati alla governance e alla gestione di questa fragile risorsa. Il ruolo che l’acqua svolge nella cooperazione internazionale sarà al centro degli argomenti discussi.

Questi gli obiettivi elencati:

• Riunire tutti intorno al tavolo per discutere gli approcci intersettoriali alla governance e alla gestione delle risorse idriche.
• Avviare un invito all’azione per incoraggiare, abbracciare e adottare il principio della gestione intersettoriale delle risorse idriche.
• Condividere buone pratiche che garantiscano la partecipazione, la trasparenza e la condivisione delle informazioni.
• Fornire prove dell’importanza dell’interdisciplinarità e dell’integrazione della scienza per sostenere gli Stati membri nel conseguimento degli obiettivi delle agende internazionali relative all’acqua.

 

Basandosi sull’esperienza dell’UNESCO nel campo della scienza, della cultura, dell’istruzione e della comunicazione, la conferenza presenta un panel di alto livello sull’acqua, una sessione sui legami tra energia e acqua in Africa e panel tematici che affronteranno temi come l’innovazione idrica e tecnologica, l’etica idrica, l’acqua e il patrimonio, l’acqua e il genere.

 

Durante la sessione plenaria finale, la principessa Sumaya di Giordania, inviato speciale dell’UNESCO per la scienza e la pace, presenterà un cambiamento di paradigma: l’acqua è la forza trainante della pace e dello sviluppo duraturo.

 

 

 

Nell’immagine di copertina, Photo Credit Unesco

 

 

Sophie Stallini

®Eco_Design WebMagazine

CONTINUA CON

Cosa c’entrano i cicloni in Mozambico con il riscaldamento globale?

È ufficiale: i cicloni di quest’anno sono la prova dei cambiamenti climatici in atto. Idhai e Kenneth sono i nomi...

Russia, orsi polari fra le case. Colpa del riscaldamento climatico

Negli primi mesi del 2019 sono stati avvistati  52 orsi polari. Tanti, troppi per le circa tremila persone che vivono...

Aria condizionata: consigli per l’uso

Anche se la bella stagione sembrava tardare, i termometri hanno cominciato a salire: il passo dal caldo piacevole all’afa fastidiosa...

Iscriviti alla nostra newsletter