Verso un’economia circolare per preservare le risorse naturali: il World Circular Economy Forum 2019

L’obiettivo: estendere a livello globale la transizione verso l’economia circolare

Helsinki, in Finlandia, si è tenuto il World Circular Economy Forum (WCEF), cioè il forum mondiale dell’economia circolare. Giunto alla sua terza edizione, è stato organizzato da Sitra, il fondo finlandese per l’Innovazione, e quest’anno ha messo insieme circa 1.500 tra leader d’azienda, policy makers ed esperti provenienti da oltre 100 Paesi per presentare le migliori soluzioni di economia circolare esistenti al mondo.

 

La cerimonia d'apertura del Forum Mondiale dell'Economia Circolare 2019

La cerimonia d’apertura del Forum Mondiale dell’Economia Circolare 2019. Ph. Susanna Lönnrot/Sitra

 

“È tempo di agire”: la nascita del WCEF

 

La prima edizione del forum – il primo del suo genere mai organizzato – si è tenuta nel giugno 2017 a Helsinki. Il fondo finlandese per l’innovazione si accorse che al mondo mancava qualcosa e che era tempo di agire. Oltre 1.000 partecipanti da quasi 100 Paesi per parlare di economia circolare vi aderirono. Nel 2018, il meeting ha fatto invece tappa a Yokohama, in Giappone, dove i partecipanti hanno discusso di quello che è necessario fare per creare una vera economia circolare entro il 2050. «Il mondo ha bisogno di nuovi modi di cooperare e di una strategia globale di economia circolare» spiegano i creatori del WCEF, che sostengono che il modello attuale, di produzione e consumo dei beni, andrebbe rivisto favorendo la longevità, il riutilizzo, i servizi. «Con l’economia circolare vincono tutti», hanno affermato i promotori del forum in occasione della sua prima edizione.

 

L’economia circolare in 9 punti

 

Il forum ha definito i 9 punti chiave dell’economia circolare. Cioè: includere l’economia circolare nel nostro modello economico e nel nostro pensiero comune; raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile indicati dall’ONU; spingere in direzione della transizione verso l’economia circolare, soprattutto nelle imprese e nelle città; usare regolamentazioni e strumenti economici come “roadmap” nazionali e appalti pubblici per favorire l’economia circolare; generare crescita economica e lavoro preservando le risorse naturali e riducendo l’inquinamento; investire in nuove tecnologie, nuovi modelli di business, digitalizzazione e innovazione; combattere il cambiamento climatico realizzando società resilienti, a zero emissioni; smettere di pensare ai rifiuti come tali e valorizzarli come risorse; consumare più servizi (e non beni) e produrre prodotti più durevoli, riparabili, riusabili e riciclabili.

«Questi 9 punti sono importanti perché non abbiamo davvero scelta – spiega Timo Mäkelä, senior advisor di Sitra – L’economia ha bisogno di adattarsi alle risorse naturali finite del nostro pianeta».

 

Alcuni dei partecipanti al Forum Mondiale dell'Economia Circolare 2019

Alcuni dei partecipanti al Forum Mondiale dell’Economia Circolare 2019. Ph. Susanna Lönnrot/Sitra

 

Gli obiettivi del Forum dell’Economia Circolare 2019

 

Se nella prima edizione del forum sono stati individuati i punti chiave per spingere in direzione dell’economia circolare e nella seconda (2018) sono state tracciate le linee di un “futuro circolare”, l’edizione 2019 del meeting si è posta come obiettivo di estendere a livello globale la transizione verso l’economia circolare. In altre parole, trasportare quindi l’economia circolare in una nuova era e far sì che le buone pratiche nel campo non siano più “segreti da mantenere” ma azioni dall’impatto globale.

«Abbiamo disperatamente bisogno di soluzioni e azioni concrete, perché il tempo sta finendo – ha affermato Mikko Kosonen, presidente di Sitra, in occasione dell’apertura del WCEF 2019 –. Stiamo già affrontando dure sfide globali e sperimentando gli effetti disastrosi del cambiamento climatico e della perdita di biodiversità. Abbiamo circa 10 anni per cambiare drasticamente il modello economico ed evitare una catastrofe ecologica. Ma se agiamo adesso possiamo ancora creare un futuro in cui le persone possono trovare un lavoro serio per mantenere le proprie famiglie, godere della bellezza e dei benefici per la salute di un ambiente pulito e avere uguali opportunità di accesso ai prodotti e ai servizi per vivere una buona vita».

L’appuntamento è adesso in Canada per il Forum Mondiale dell’Economia Circolare 2020.

 

Un dibattito durante il Forum Mondiale dell'Economia Circolare 2019

“Scaling up global solutions” (cioè estendere a livello globale la transizione verso l’economia circolare) è l’obiettivo del Forum Mondiale dell’Economia Circolare 2019. Ph. Jan Ahlstedt/Sitra

 

Immagine di copertina: una studentessa interviene al Forum Mondiale dell’Economia Circolare 2019. Ph. Jan Ahlstedt/Sitra

 

®Eco_Design WebMagazine

CONTINUA CON

Verso il 2030: a che punto siamo con le rinnovabili in Italia

Il Piano Nazionale integrato energia e clima (PNIEC), messo a punto dal Ministero dello Sviluppo Economico, raccoglie gli obiettivi che...

Più incentivi, meno emissioni: Regione Lombardia stanzia 26,5 milioni di euro per il rinnovo del parco auto

In Europa il settore dei trasporti è responsabile per circa un terzo delle emissioni inquinanti in atmosfera, il resto lo...

Energie rinnovabili in crescita. Oltre un terzo dell’energia elettrica italiana ora è green

È un quadro incoraggiante quello tracciato dal Gse nel suo ultimo registro delle attività relativo al 2018. Secondo i dati,...

Iscriviti alla nostra newsletter