Argentina, la spettacolare “laguna rosa” che nasconde una verità inquietante

Si tratta di una grave contaminazione ambientale

  • 92
  •  
  •  

Nella laguna argentina le acque si sono tinte di un color rosa brillante ma purtroppo il motivo all’origine del fenomeno è piuttosto grave.

Le foto spettacolari della Laguna di Corfo in Argentina dove l’acqua ha assunto una sorprendente sfumatura di rosa, nascondono una verità ben più inquietante: si tratta di rifiuti scaricati nelle sue acque dalle compagnie di pesca.  Le autorità locali avrebbero permesso agli impianti di lavorazione del pesce di scaricare i loro rifiuti nel vicino fiume Chubut che alimenta la laguna.

Il colore rosa è dovuto al solfito di sodio, conservante antibatterico utilizzato per stoccare gli scampi prima che vengano esportati.

Inquinamento da pesticidi, minacciato il 64% dei terreni agricoli mondiali

Stando a quanto stabilito dalla legge, prima di poter scaricare rifiuti dell’industria ittica e relativi alla lavorazione del pesce in laghi o fiumi, essi devono essere accuratamente trattati. Le autorità hanno dunque avviato le indagini accertando lo sversamento, da parte di un camion, di rifiuti non trattati nelle acque di alcuni laghi.

Nelle ultime settimane, i residenti di Rawson, nella vicina Trelew, hanno bloccato le strade utilizzate dai camion che trasportavano i rifiuti di pesce lavorato attraverso le loro strade agli impianti di trattamento alla periferia della città. “Riceviamo dozzine di camion ogni giorno, i residenti si stanno stancando”, ha detto l’attivista locale Pablo Lada, membro della Rete ambientale nazionale argentina (RENAS).

Il colore non provoca danni e scomparirà in pochi giorni”, hanno comunque affermato le autorità ed il capo del controllo ambientale per la provincia di Chubut, Juan Micheloud.  Ma il problema resta il fatto che sarebbero state le autorità provinciali a concedere alle vicine fabbriche l’autorizzazione a scaricarvi i propri rifiuti. Inevitabilmente partita un’ondata di polemiche da parte di ambientalisti e residenti, preoccupati non solo dal colore ma anche dal terribile odore emanato dall’acqua.

Inquinamento indoor, quali rischi corriamo?

 

Agisci per l’ambiente di oggi e di domani, con la tessera anter.

Iscriviti

Iscriviti alla nostra newsletter