Green Economy Italia

Edo Ronchi e la sua “Green Economy”

Intervista all'ex Ministro dell’Ambiente e Presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile

La Green Economy è un modello di sviluppo sostenibile, o circolare, che punta all’innovazione del sistema economico/industriale centrando i suoi obiettivi nel contrastare i mutamenti climatici e ridurre l’impatto delle attività umane sull’ambiente. Alla base del pensiero di Edo Ronchi, Ministro dell’ambiente dal 1996 al 2000, oggi Presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile – l’autorevole centro studi che opera in Italia da 9 anni e conta importanti collaborazioni internazionali – vi è proprio questo innovativo concetto: un’economia che assicuri uno sviluppo umano, capace di futuro e quindi sostenibile, che procura una migliore qualità della vita in uno spazio ecologico limitato e che punta ad una crescita qualitativa e quantitativamente selettiva.

 

Edo Ronchi

Edo Ronchi, Ministro dell’ambiente dal 1996 al 2000, oggi Presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile

 

Il 9 maggio 2018 è uscito il suo ultimo libro “La transizione alla green economy”. Come può il sistema economico contemporaneo essere di supporto alle iniziative “green”?

La globalizzazione dell’attuale tipo di sviluppo economico, basato sull’elevato consumo di energia fossile e sull’alto prelievo di risorse naturali, non può essere durevole perché ha causato una grave crisi climatica e sta mettendo in crisi la biodiversità a scala globale. Per dare possibilità al futuro dello sviluppo occorre un cambiamento dell’economia: una transizione verso una green economy, a basse emissioni di carbonio, ad elevata qualità ecologica, ad un’economia di tipo circolare.

 

L’Itala è pronta secondo Lei ad abbracciare una politica ambientale a tutto tondo? Quali sono le reali potenzialità del Bel Paese? Ha in mente un “buon esempio” italiano da prendere in esame? 

A me pare che in Italia vi siano zone avanzate e realtà arretrate, settori molto green e anche settori ancora brown: è difficile avere un giudizio complessivo. Le potenzialità green in Italia sono elevate nelle rinnovabili, nel riciclo, nell’agricoltura biologica, nelle ristrutturazioni energetiche e nel turismo. Gli esempi di buone pratiche e di tecnologie green innovative sono molto numerosi. La Fondazione per lo sviluppo sostenibile ne selezione 30 l’anno da 10 anni, con il premio sviluppo sostenibile .

 

 

Cosa dovrebbero prioritariamente fare gli Stati interessati ad un modello di società sostenibile per poterlo sviluppare?

La buona legislazione ambientale – efficace, chiara e non troppo complicata, possibilmente stabile e correttamente applicata – è una condizione importante per la green economy. Molto importante è anche la politica fiscale che spesso incentiva misure negative per l’ambiente , mentre non promuove adeguatamente quelle sostenibili. Uno Stato non dovrebbe solo sostenere gli accordi internazionali per l’ambiente, ma guidare il cambiamento con politiche avanzate, sfidando gli altri Paesi con l’eco-innovazione.

Tra gli impegni per cui Anter si schiera in prima linea vi è la ricerca di SalviAmo il Respiro della Terra sull’inquinamento atmosferico indoor e outdoor (un mondo di dimensioni nanometriche ancora poco trattato dai media). ANTER vorrebbe sensibilizzare le persone a quel mondo sconosciuto proponendo buone prassi, per capire a agire contro le maggiori fonti di inquinamento. In che modo ogni individuo può vivere “green”, riducendo l’impatto ambientale della propria routine giornaliera?

Le fonti principali di inquinamento da polveri sottili in città sono il traffico e i riscaldamenti. Per il traffico ciascuno di noi può fare molto: usare l’auto il meno possibile, usare mezzi ecologici, andare a piedi, con biciclette e mezzi pubblici. Per il riscaldamento possiamo seguire vari tipi di intervento per abbattere le emissioni.

 

Professor Ronchi, ci illustri l’attività che sta portando avanti in questi anni di concreto impegno verso il concetto di sostenibilità.

Da 10 anni dirigo la Fondazione per lo sviluppo sostenibile che ha realizzato decine di ricerche e numerose pubblicazioni: l’ambiente ha bisogno di conoscenza, di studi e ricerche. Ho dedicato particolare attenzione alla green economy: l’economia dello sviluppo sostenibile. Ho inoltre cercato di coinvolgere imprese e loro organizzazioni nelle politiche e misure green. Le imprese hanno grande peso sia nella insostenibilità che nella transizione alla green economy.

 

®Eco_Design WebMagazine

CONTINUA CON

L’economia circolare sfida quella lineare: cambiare mentalità per il futuro del pianeta

E’ dalle piccole cose che spesso prendono il via grandi cambiamenti. Gesti simbolici iniziano a scuotere le coscienze individuali e...

Donne, ambiente e società: gli stati generali delle donne guardano al futuro del pianeta

Gli stati generali delle donne mettono in primo piano i problemi ecologici ed ambientali e puntano con decisione ad un...

Il business che dà valore all’ambiente: Nativa e la rivoluzione B Corp

Sono aziende diverse dalle altre. Si definiscono “le migliori per il mondo” anziché “le migliori nel mondo”. Sono la punta...

Iscriviti alla nostra newsletter