farfalle

Un mondo senza insetti

Una ricerca australiana stima che ogni anno ne sparisca il 2,5%: a questo ritmo potrebbero estinguersi in un secolo

La loro estinzione è otto volte più veloce di mammiferi, rettili e uccelli. Suona un campanello di allarme per gli insetti del mondo, il 40% dei quali rischia di estinguersi nei prossimi decenni. A lanciarlo è una ricerca pubblicata sulla rivista Biological Conservation che si è occupata di una revisione globale di 73 studi di settore. L’indagine condotta dai ricercatori dell’Università di Sidney denuncia una riduzione del 2,5% l’anno che va avanti da circa 25-30 anni, secondo le previsioni più ottimistiche.

pipistrelli

Anche i pipistrelli sono una specie a rischio estinzione ph www.easyviaggio.com

Secondo le stime, gli insetti potrebbero sparire entro un secolo. Sul banco degli imputati, finiscono alcuni fenomeni ben noti: la perdita dell’habitat, i metodi di agricoltura intensiva e le pratiche di urbanizzazione sempre più “spinta”. Fra le altre cause indicate dalla ricerca, il cambiamento climatico (soprattutto ai tropici), l’inquinamento da pesticidi e fertilizzanti sintetici. I ricercatori suggeriscono “un ripensamento urgente delle attuali pratiche agricole, in particolare una seria riduzione dell’uso di pesticidi e la sua sostituzione con pratiche più sostenibili ed ecologiche: si tratta in ogni caso di procedimenti già in atto.  In Inghilterra, ad esempio, tra il 2000 e il 2009 il numero di specie di farfalle presenti nelle aree agricole si è ridotto del 58%.

L’inquinamento da pesticidi e fertilizzanti sintetici è fra le cause della perdita dell’habitat ph. www.thesocialpost.it

Le aree popolate con farfalle hanno molti vantaggi per quanto riguarda l’impollinazione e il controllo naturale dei parassiti. Le farfalle sono anche una parte importante della catena alimentare, essendo a loro volta cibo per gli uccelli, pipistrelli e altri animali. Per le api non va meglio: negli Stati Uniti il loro numero si è quasi dimezzato in settanta anni.
Secondo gli studiosi, si tratterebbe della sesta estinzione di massa della storia per quelli che sono gli animali più vari e numerosi, che superano l’umanità di 17 volte.

 

ph. cover: www.finedininglovers.it

 

®Eco_Design WebMagazine

 

 

CONTINUA CON

Cop 25, cosa c’è in gioco alla conferenza mondiale sul clima delle Nazioni Unite

Quello che i governi hanno promesso finora per salvare il clima non è stato mantenuto. E anche se tutti si...

Come funziona il riciclo della plastica e come potrà migliorare in futuro

L’enorme problema dell’inquinamento provocato dalla plastica non è dovuto alla plastica in sé, ma alla cattiva gestione del suo smaltimento...

L’aria ci uccide. L’Italia è prima in Europa per morti precoci da polveri sottili

È un record di cui avremmo fatto volentieri a meno quello che vede il nostro Belpaese in cima alla classifica...

Iscriviti alla nostra newsletter