mollette in cielo

Cinque ricette fai da te per realizzare detersivi ecologici

Scopri come preparare con le tue mani tutti i prodotti che servono per pulire la casa e il bucato in modo naturale ed economico

Metti quattro ingredienti di base come il bicarbonato di sodio, il succo di limone, il sale e gli oli essenziali, dosa e mescola nel modo giusto. Il risultato? Addio ai detersivi tradizionali per la pulizia della casa, quelli che tanto inquinano e che si trovano comunemente in commercio. Ecco cinque alternative ‘green’ che fanno bene all’ambiente e, perché no, alle nostre tasche.

1. Come fare il detergente per le piastrelle
spray naturale

Il trucco è mescolare acqua calda e aceto bianco, con aggiunta di un cucchiaio di bicarbonato. L’aceto, del resto, è un eccellente sgrassante e serve per combattere i cattivi odori. Questo spray fai da te con il 70% di acqua e il 30% di aceto è ottimo per pulire frigorifero, lavastoviglie e lavatrice, oltreché per lavare i pavimenti. Da evitare invece sulle superfici in marmo!

2. Come fare il detersivo per i piatti
detergente piatti

Munitevi di limone, aceto, sale e acqua. Potrete preparare un detersivo ecologico che lascia i piatti pulitissimi e profumati. Basta frullare con un mixer a immersione 3 limoni tagliati a rondelle e senza semi, insieme a 400 millilitri di acqua e a 200 grammi di sale: versare tutto in una pentola e portare a ebollizione il preparato insieme a 100 millilitri di aceto. Appena il composto sarà denso, avrete creato il vostro eco-detergente che può essere conservato in bottiglie di plastica o di vetro.

3. Come fare il detersivo per il bucato

detersivo bucato fai da te

Sapete che mediamente una famiglia italiana fa da 2 a 4 lavatrici la settimana, consumando 25 litri l’anno di detersivi? Con pochi centesimi di euro è possibile produrre in modo casalingo un detersivo per lavatrice da 2,5 litri. Ecco una ricetta facile per detergere in modo ecologico il nostro bucato: innanzitutto, occorre prendere una pentola di acciaio e portare a bollore 2,5 litri d’acqua. Occorre poi aggiungere 250 gr di sapone di Marsiglia da grattugiare. Bisogna fare sciogliere il sapone a fiamma bassa, continuando a mescolare: facendo attenzione alle alte temperature, si passa poi a frullare il composto con il frullatore a immersione, per un minuto circa. È fondamentale aspettare qualche ora prima per raffreddare il detersivo e trasferirlo in un flacone. Non aspettatevi che sia liquido come quello che vendono al supermercato. Bastano due tappi di flacone per caricare la lavatrice, a seconda di quanto siano sporchi i panni.

4. Come fare il detersivo per i pavimenti

sapone casalingo

Questo rimedio casalingo è molto semplice: se avete in casa delle piastrelle, grès porcellanato e cotto potete usare un bicchiere di aceto bianco diluito in tre litri di acqua calda. Non occorre risciacquo: l’aceto sgrassa e lucida. E se l’odore non piace, è possibile utilizzare l’aceto di mele. In caso di animali in casa, si può aumentare il potere igienizzante della miscela aggiungendo all’acqua 10 gocce di tea tree oil, potente sostanza battericida e antimicotica. E per il marmo? Si può sgrassare creando una soluzione con tre litri di acqua calda, una tazzina di bicarbonato di sodio, un bicchiere di alcool denaturato e mezza tazzina di scaglie di sapone di Marsiglia da sciogliere. Meglio detergere il pavimento con l’ausilio di un panno in microfibra.

5. Come fare il detergente per il forno

pulire il forno

Per eliminare i residui di cibo dalle pareti del forno è possibile preparare una miscela scrub con una tazza di sale, una di bicarbonato e un’altra di acqua. Sono note, infatti, le proprietà abrasive del bicarbonato e del sale. La pasta va passata su tutte su tutte le pareti del forno, aiutandosi con un panno umido: l’ideale sarebbe aspettare un’oretta e risciacquare accuratamente. Per sgrassare a fondo cosa c’è di meglio se non il limone, sgrassante naturale per eccellenza? Ne servono due abbastanza grandi, tagliati a metà. Il succo va spremuto su tutta la superficie mentre i resti dei limoni vanno sistemati in un tegame da forno con un po’ di acqua per 30 minuti a 180 gradi. L’acqua bollente, una volta che rilascia il vapore a causa delle temperature elevate, aiuta a rimuovere lo sporco. Una volta spento e raffreddato il forno, con una spugnetta si può rimuovere la sporcizia usando l’acqua con il limone riscaldata per ultimare la pulizia.

 

®Eco_Design WebMagazine

 

 

 

 

 

CONTINUA CON

Infertilità e inquinamento ambientale, quali sono le correlazioni e come difendersi

L’impatto dell’inquinamento ambientale sulla fertilità (sia maschile che femminile) è un tema che negli ultimi anni ha suscitato crescente interesse...

Maschere antismog: funzionano? Sfatiamo un falso mito

L’inquinamento da particelle sottili ha ormai raggiunto livelli enormi, arrecando danni all’ambiente e alle persone. Le cause della formazione delle...

Ambienti indoor: l’agguato delle polveri

Parlando di inquinamento dell’aria pare comunemente più pericoloso l’ambiente esterno, ricco di polveri e sostanze nocive per la nostra salute....

Iscriviti alla nostra newsletter