Spesa sostenibile, come fare acquisti nel rispetto dell’ambiente?

Sostenere il lavoro dei piccoli produttori, stagionalità e zero waste

Mangiare di stagione fa bene alla salute e all’ambiente, scegliere prodotti made in Italy e incoraggiare e sostenere il lavoro dei produttori più piccoli aiuta l’economia del Paese. Alcuni consigli per scegliere da chi acquistare per fare una spesa zero waste e rispettosa dell’ambiente.

Sono i piccoli gesti quotidiani che possono fare davvero la differenza per ridurre il nostro impatto ambientale, a partire dai nostri acquisti. Decidere di fare una spesa consapevole con una scelta di alimenti di stagione e prodotti locali è fondamentale per aiutare a ridurre le emissioni causate da lunghi trasporti, in molti casi transoceanici.

Secondo i dati raccolti da Supermercato24 quasi un quarto (23%) degli italiani conferma di non acquistare mai prodotti fuori stagione, mentre il 62% afferma di preferire alimenti di stagione. Sono dati incoraggianti che mostrano la maggior consapevolezza dei consumatori nell’orientarsi sempre più verso uno stile di vita sostenibile e rispettoso dell’ambiente.  

Una spesa davvero consapevole deve tenere conto anche del packaging, scegliere solo prodotti con imballaggi ridotti, facilmente riciclabili o realizzati con materiali riciclati. Cibo a chilometro zero,  stagionalità,  sostenere i produttori locali e fare attenzione agli imballaggi: ecco in quali concetti può riassumersi una spesa zero waste e rispettosa dell’ambiente.

Le api arrivano in città. Scopri il portale per proteggere le api e la biodiversità

I Gruppi d’Acquisto Solidali (GAS), spesa online e produttori locali

Se è la prima volta che vi approcciate a un modello di acquisto differente dal solito supermercato, ecco alcuni consigli per la vostra spesa sostenibile, attenta alla stagionalità e a i prodotti a km zero.

I Gas, gruppi d’acquisto solidali presenti in tutta Italia e strutturati in maniera diversa a seconda della zona, sono associazioni riconosciute, cooperative del settore, botteghe che comunicano fra loro in vari modi a seconda del numero e la tipologia di partecipanti.

Un gruppo d’acquisto è formato semplicemente da persone che decidono di acquistare all’ingrosso prodotti alimentari o di uso comune, da ridistribuire tra loro. 

Ecco come funziona:

  • i partecipanti al gruppo definiscono in primo luogo una lista di prodotti su cui intendono eseguire gli acquisti collettivi;
  • in base a questa lista le diverse famiglie o persone compilano un ordine;
  • gli ordini vengono raccolti e sommati per definire un ordine di gruppo che viene trasmesso al produttore;
  • quando arriva la merce dal produttore, questa viene suddivisa tra le famiglie che appartengono al gruppo e ognuno paga per la sua parte.

Con l’avvento del Covid-19 i Gas si sono ulteriormente rafforzati e sono almeno sei milioni gli italiani che comprano prodotti alimentari e agricoli da produttori locali utilizzando le 2mila piattaforme volontaristiche sparse in tutta Italia.

I dati raccolti dalla rilevazione dell’osservatorio SWG a febbraio di quest’anno su un campione di 1.200 cittadini italiani confermano la tendenza che la quota di chi fa la spesa tramite un gruppo di acquisto solidale è passata dal 10% del 2018 al 12,3% del 2020 circa 800mila persone in più.

Secondo un questionario promosso da Cortilia, il segmento dell’ortofrutta è cresciuto, con il 31% dei consumatori che sostiene di acquistare più spesso vegetali. Su un campione di 4200 fruitori della spesa online, oltre il 66% ha dichiarato di aver cambiato le proprie abitudini relative alla spesa alimentare rispetto a prima del lockdown: la frequenza della spesa alimentare è rimasta la stessa (54%) ma sono cambiati i canali di acquisto.

La rivoluzione agricola è in Italia. Incontriamo Sfera Agricola: il miglior pomodoro sostenibile.

Sono tante le realtà online che consentono di sostenere gli agricoltori locali e di consumare frutta e verdura di stagione, carni e salumi di qualità.

Cortilia, ad esempio, è un vero mercato agricolo online, che mette in comunicazione agricoltori locali e consumatori, consegnando direttamente a casa la spesa stagionale. Basta registrarsi al sito e scegliere una spesa singola oppure fare un abbonamento a una cassetta, selezionando i prodotti.  Anche  “L’Alveare che dice sì” è presente in tutta Italia e distribuisce prodotti di qualità a massimo 35 chilometri di distanza dall’azienda. La spesa viene consegnata in bar, ristoranti, associazioni di quartiere.

 Zolle consegna invece a Roma, dal 2008, i prodotti di più di 80 aziende agricole e artigianali, scelti per salubrità, bontà. Si possono scegliere differenti tipologie di “zolle” e attivare un abbonamento per ricevere a casa frutta, verdura, formaggi, carni, tutti prodotti locali. 

E sempre a Roma le Galline Felici  dell’azienda romana tra Boccea e la Cassia producono uova fresche, frutto di giornate trascorse all’aperto a mangiare bene e fare bagni di terra. Si trovano nei mercati contadini della Capitale, alla macelleria Feroci, nei negozi della catena Biocelia, ma si possono anche ordinare online tramite il sito o Whatsapp. I contenitori in carta riciclata si riconsegnano poi di volta in volta, così da poter essere riutilizzati, minimizzando gli sprechi. 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da GALLINE FELICI 🐓 (@gallinefelici)

Zero waste, come ridurre gli sprechi in bagno?

Perché consumare di stagione?

Mangiare di stagione fa bene alla salute e all’ambiente. La frutta e verdura presente sul mercato durante le stagioni non è, teoricamente, sempre la stessa. Hanno infatti una loro stagione e seguirla nell’acquisto dei prodotti garantisce sicurezza, genuinità e anche un notevole risparmio. Sui banconi del supermercato troviamo una grande varietà di frutta e ortaggi costantemente presente ogni mese dell’anno: non tutto ciò che è offerto però sul mercato è di stagione.

Alcune varietà di frutta e verdura, ad esempio, sono di importazione e provengono da paesi con climi più caldi e questi prodotti, prima di arrivare sulle nostre tavole, attraversano anche interi continenti. Ecco perché è importante  scegliere i prodotti italiani, ancor meglio se a km 0, facendo attenzione alla stagionalità, e rifornendosi direttamente nei mercati gestiti direttamente dagli agricoltori. Limiteremo in questo modo l’inquinamento dovuto al trasporto delle merci e aiuteremo l’economia del nostro paese incoraggiando e sostenendo il lavoro dei produttori più piccoli.

La natura ci fornisce tutto ciò di cui abbiamo bisogno al momento giusto. Puoi consultare CALENDARIO della frutta e verdura di stagione

 

Come associazione ANTER, ci impegnamo a diffondere un approccio sostenibile al vivere di tutti tramite progetti di formazione sul territorio e finanziamento a ricerche scientifiche. Iscriviti, come hanno già fatto 300.000 associati, per sostenerci.

CONTINUA CON

Alimentazione, fate attenzione alle etichette!

Tantissimi prodotti sugli scaffali, poco tempo a disposizione e offerte in evidenza. Molto spesso questi tre fattori non aiutano a...

Sprechi alimentari, abitudini di consumo ai tempi del Covid-19

Con la pandemia siamo partiti da un assalto ai supermercati legato alla paura che il cibo potesse finire, all’adozione di...

La battaglia contro la plastica monouso. Addio pellicola trasparente

Pellicola trasparente e contenitori in plastica ottimi per conservare i nostri alimenti: ma quanto inquinano? E la carta stagnola? “A...

Iscriviti alla nostra newsletter