Dalla carrozza a batterie alla Tesla. Storia delle auto elettriche

Negli ultimi anni è aumentata l’attenzione per le vetture elettriche. Sono usciti nuovi modelli; sono nate case automobilistiche; sono aumentati i possessori.

 

 

Ma la Storia della mobilità sostenibile parte da lontano, quando ancora le persone viaggiavano sui cavalli o a piedi. La prima invenzione infatti risale ai primi anni Trenta dell’Ottocento e porta la firma di  Robert Anderson, imprenditore scozzese che mise a punto una carrozza a batteria elettrica. Sempre in quegli anni il professore olandese di chimica, Sibrandus Stratingh (già collaudatore del primo mezzo di trasporto a vapore), progetta un veicolo a trazione elettrica che poi viene costruito nel 1835. Nessuna delle due idee ha avuto riscontri commerciali, ma nei decenni successivi sono state fonte di ispirazione per inventori e scienziati.

 

 

Si deve aspettare la seconda metà dell’800 per vedere la svolta, quando l’accumulatore elettrico creato dal fisico francese Gaston Planté viene adottato da molti degli sperimentatori di auto. L’accumulatore da 12 Volt infatti  conserva più energia rispetto alle batterie più vecchie. I primi anni del Novecento risultano assai fruttuosi per lo studio, i miglioramenti e la diffusione delle automobili elettriche. Nel 1905 nasce in Italia  la STAI  Società Torinese Automobili Elettrici, prima fabbrica italiana del settore che attrae investitori anche dall’estero. Il modello più venduto è il  “Duc-de-dame”, con una potenza di 10 cavalli, una velocità di 30 km/h  (la concorrente americana Detroit  Electric arrivava a 30km/h)  e un’autonomia di 80-90 km. La gente compera auto elettriche perché sono più pratiche e più economiche rispetto a quelle a benzina. Così come per le imprese, dato che un mezzo a vapore all’epoca impiegava anche fino a 45 minuti per accendersi. La favola però è destinata a finire e, complici l’abbassamento del prezzo del petrolio e l’avanzata delle prime automobili a marchio Ford, ormai si va verso i mezzi a combustione.

Il sogno di una mobilità sostenibile però non viene archiviato del tutto; nel 1974 la Fiat presenta City Car, prototipo a controllo elettrico. Negli anni Novanta le coscienze iniziano a prendere sul serio l’idea di uno sviluppo a basso impatto ambientale e anche le case automobilistiche si allineano. Dal 1996 al 1999 General Motors ha prodotto la serie di autovetture a noleggio EV1 nelle versioni a gas naturale, ibride (gas e benzina) e a trazione elettrica. Sulla scia si è mossa anche Citroen, convertendo all’elettrico i modelli Saxo e Berlingo. Viaggiare senza inquinare non è più un’utopia, ma una realtà. Nel 2008 si vede la diffusione di vetture elettriche anche per la vita di tutti i giorni. Tesla diventa sempre più un marchio di riferimento nel mercato e con il lancio della Roadster si conferma fra le più coraggiose del mondo. Il coraggio del fondatore Elon Musk è stato ripagato dai modelli che negli anni ha venduto e, secondo una classifica di Forbes del 2015, Tesla è l’azienda più innovativa del mondo.

 

 

Oggi i prezzi delle auto elettriche sono diventati accessibili, tanto che la più economica (Smart For Two) costa 23.920 € e quelle di valore medio-alto (Hyundai Ioniq, BMW i3, Volkswagen e-Golf) dai 37.000 ai 39.000 €.

 

 

®Eco_Design WebMagazine

 

CONTINUA CON

LiveWire, la prima moto elettrica firmata Harley Davidson

Harley Davidson, marchio simbolo delle motociclette da strada, ha presentato LiveWire, motociclo a propulsione elettrica. Si tratta del primo modello...

Diario di viaggio in Tesla

Ciao lettore,   non so se a te ha fatto lo stesso effetto ma l’intervista a Roberto, imprenditore milanese, ci...

Autostrade elettriche: i tir come i filobus; anche l’Italia avrà la sua eHighway

Nonostante sia stata data dalle maggiori testate giornalistiche italiane (Corriere della Sera, La Repubblica, La Stampa, Il Sole 24 ore...

Iscriviti alla nostra newsletter